Menu
Mostra menu

Calendario storico

Anno 2016 - mese di settembre - pittore Umberto Boccioni

Calendario Storico dell'Arma dei Carabinieri - mese di Settembre - pittore Umberto Boccioni

Testo pagina sinistra

E’ nella città che sorge la modernità ed è la città che affascina Umberto Boccioni sin da quando dipinge ancora da divisionista i quartieri nuovi che sorgono a Milano. Il pulsare e le tensioni che questa città nuova generano saranno uno dei temi suoi preferiti quando diventa uno dei protagonisti della pittura futurista. Il suo primo capolavoro assoluto è “La città sale”, una grande esaltazione dei lavori in corso negli edifici che stanno allargando Milano. L’anno successivo, nel 1912, dipinge le “Visioni simultanee”, quelle che il turbinio della città offre allo sguardo moderno che ne contempla dall’alto le strade, il traffico e le case. 
Tutto è movimento, colore e materia; tutto appare nondimeno coordinato. 
Ed è su questa città d’una Italia rinnovata che vigila una coppia di Carabinieri, anche loro coinvolti nella sua potente energia.

Didascalia immagine

Sopra, “Visioni simultanee” (1911) e, sullo sfondo, elaborazione di un particolare di “Stati d’animo II - Gli Addii” (1911) di Umberto Boccioni.