Menu
Mostra menu

Calendario storico

Anno 2015 - Mamma Santuccia e i “suoi” 12 Carabinieri

Mamma Santuccia e i 'suoi' 12 Carabinieri

Testo pagina sinistra

A Pontile di Fiuminata, nell’Appennino umbro-marchigiano, nessuno si è mai sorpreso che Santuccia Beni avesse avuto tra figli, nipoti, pronipoti e cugini 12 Carabinieri. Anche lei era considerata un “Carabiniere”, per il rigore morale, l’infaticabilità, l’amore per il prossimo, l’energia e la saggezza sempre dimostrati. Quando a Fiuminata giungeva un nuovo Comandante di Stazione, le sue visite di cortesia erano per il sindaco, per il parroco e per mamma Santuccia. In casa Beni era come sentirsi in famiglia e l’anziana donna ne traeva conforto per compensare la lontananza di figli, nipoti e cugini, sempre in ansia per la loro vita e timorosa che un giorno il Maresciallo le facesse visita “senza sorriso”. Il presagio si concretizzò la mattina del 18 maggio 1977, quando il Comandante della Stazione dovette dare la notizia alla famiglia Beni che Alfredo era caduto in un conflitto a fuoco con dei malviventi, nel centro marchigiano di Porto San Giorgio.

Didascalia alle immagini

Da sinistra in senso orario: Giuseppe, Pietro, Antonio, Giovanni, Angelo, Francesco, Marino, Moreno, Valentino, Michele, Filippo, e, al centro, Alfredo, caduto a Porto San Giorno in un conflitto a fuoco con una banda di fuorilegge. Alla sua memoria è stata concessa la Medaglia d’Oro al Valor Militare.

Sotto, l’Appuntato Giuseppe Beni in missione di scorta ad un convoglio nel Mediterraneo durante la Seconda Guerra Mondiale. Nel corso del viaggio, il militare scrisse un diario, annotandovi le continue incursioni nemiche. Non trascurò di rivolgere il pensiero all’anziana madre sotto forma di lettere non spedite, che, ancora oggi, rilette, attestano il forte legame verso la famiglia e gli altri fratelli in armi. Uno di loro, Pietro, farà parte del “Contingente R” che il 4 giugno 1944 entrerà a Roma, accanto agli Alleati, e rioccuperà la Caserma Podgora per ristabilirvi, l’indomani, i Comandi dell’Arma.