Menu
Mostra menu

Calendario storico

Anno 2015 - Gli amori di Salvo D’Acquisto, la famiglia e l’Arma

Gli amori di Salvo D’Acquisto, la famiglia e l’Arma

Testo pagina destra

Nella bacheca del Museo Storico dell’Arma dei Carabinieri dedicata a Salvo D’Acquisto si trovano alcune fotografie dell’Eroe, il suo stato di servizio, la motivazione della Medaglia d’Oro al V. M. e la lettera riprodotta in basso, nulla più. Un particolare colpisce l’attenzione del visitatore più accorto; sullo stato di servizio, riprodotto a destra, si legge “professione (prima dell’arruolamento): seminarista”.
Educato in un istituto salesiano, forse nella prospettiva della carriera sacerdotale, a 19 anni Salvo D’Acquisto si arruola nell’Arma dei Carabinieri, certo di trovarvi le condizioni per realizzare gli ideali che lo avevano orientato nella sua giovanile formazione religiosa.
Da un istituto dalla severità proverbiale transitò a un altro non meno significativo per la rigidità formativa, la Scuola Sottufficiali dell’Arma. Di lui si conosce poco, perchè poco è vissuto. Di lui nulla è stato raccontato, perchè nulla ebbe occasione di fare, tranne che amare i genitori, la madre in particolare, e i valori della famiglia, nel cui segno improntò i pochi anni vissuti.
La lettera riprodotta in basso venne scritta frettolosamente, quasi a testimoniare la mancanza di tempo che caratterizzò la sua breve esistenza terrena, che lui volle offrire al prossimo. Il 23 settembre del 1943, consapevole di porre fine alla sua giovane vita, si dichiarò responsabile alle truppe di occupazione nazista di un attentato non commesso.

Didascalia alle immagini

“Salvo D’Acquisto” di Davide Delizi

Nella foto a sinistra, la madre dell’Eroe, Ines Marignetti e sua cognata, Maria Pinfildi, sposa di Oscar Marignetti, Maresciallo dei Carabinieri che prestò servizio in Africa in concomitanza con Salvo.
A destra, il giovane D’Acquisto in sella ad una motocicletta militare durante il corso Allievi Sottufficiali.
In alto a sinistra, la Torre di Palidoro (Roma), scenario del gesto eroico del Brigadiere Medaglia d’Oro al Valor Militare ed il monumento a lui dedicato.