Menu
Mostra menu
  • >
  • Editoria
    >
  • Calendario Storico
    >
  • Il Calendario
    >
  • Anni 2019-2010
    >
  • 2011
    >

Calendario storico

Anno 2011 - In Sardegna, dai Cavalleggeri ai Carabinieri

In Sardegna, dai Cavalleggeri ai Carabinieri Immagine pagina del calendario 2011


Testo pagina di sinistra

In Sardegna, dai Cavalleggeri ai Carabinieri

in Sardegna, i compiti di ordine e sicurezza pubblica erano stati affidati, sin dal1808, al "Reggimento Cavalleggeri di Sardegna". Nel 1822 cominciarono adoperare sull’Isola le Divisioni dei Carabinieri Reali di Cagliari e di Sassari,sciolte nel 1832 per volere del Sovrano, che intendeva preliminarmente garantire l'omogeneità degli apparati normativi ed amministrativi vigenti nei diversi territori del Regno. La definitiva istituzione del "Corpo dei Carabinieri Reali di Sardegna", dotato di un proprio Comandante e di un proprio Regolamento, avvenne così nel 1853, sotto il regno di Vittorio Emanuele II. Nell’ovale, Maria Teresa d’Austria, moglie di Vittorio Emanuele I, che ebbe la reggenza dell’Isola dopo la partenza del Re per Torino, nella primavera del1814, e quindi anche la responsabilità della sicurezza interna della Sardegna e delle forze preposte all’ordine pubblico.
Sotto, operazione di Carabinieri in Sardegna, a metà del secolo XIX, contro la recrudescenza del banditismo, lungamente combattuto dal Capitano Gerolamo Berlinguer, dal Capitano Agostino Castelli e dal Maresciallo Efisio Scaniglia (dall’alto in basso, nei riquadri). Per la loro incisiva azione istituzionale, i due Ufficiali vennero insigniti di Medaglia d'Oro al Valor Militare, mentre il Sottufficiale meritò la Croce dell'Ordine Militare di Savoia, risultando così, dopo Giovan Battista Scapaccino, i più antichi decorati dell’Arma.

Didascalia immagini pagina destra

Sotto, operazione di Carabinieri in Sardegna, a metà del secolo XIX, contro la recrudescenza del banditismo, lungamente combattuto dal Capitano Gerolamo Berlinguer, dal Capitano Agostino Castelli e dal Maresciallo Efisio Scaniglia (dall'alto in basso, nei riquadri). Per la loro incisiva azione istituzionale, i due Ufficiali vennero insigniti di Medaglia d'Oro al Valor Militare, mentre il Sottufficiale meritò la Croce dell'Ordine Militare di Savoia, risultando così, dopo Giovan Battista Scapaccino, i più antichi decorati dell'Arma.