Menu
Mostra menu

Calendario storico

Anno 2010 - L'Adozione del Giuramento


Calendario 2010  Calendario 2010


Testo pagina di sinistra

Nei documenti ordinativi del Corpo dei Carabinieri Reali, il Giuramento viene contemplato per la prima volta nel 1822, in occasione della pubblicazione delle Regie Patenti, contenenti il “Regolamento Generale”
approvato il 16 ottobre di quell’anno. Ciò si spiega essendo stata contestualmente introdotta nell’Arma la categoria degli Allievi Carabinieri “per tenere a numero il Corpo”. Il reclutamento poteva avvenire dai Corpi di Fanteria e Cavalleria “di uomini che non contino i prescritti 4 anni di servizio, ed anche che non ne abbiano prestato alcuno: essi però formeranno una categoria a parte sotto il nome di Allievi Carabinieri”.

Didascalia immagine pagina di sinistra

Il mastio dell’antica Cittadella di Torino (nella foto) fu la sede del primo “Deposito Allievi Carabinieri”.
La storia dell’edificio è legata all’assedio di Torino da parte dei Francesi nel 1706, sconfitti grazie all’eroico gesto di Pietro Micca, che diede fuoco a una mina, consapevole che sarebbe perito insieme agli assedianti.

Didascalia centro pagina

Dopo la concessione dello Statuto da parte del Re Carlo Alberto, avvenuta il 4 marzo 1848, anche il Giuramento militare venne adeguato alla nuova forma costituzionale del Regno. Il testo, riprodotto qui sotto, era molto più breve. L’Intendente prescrisse a tutti i Sindaci che il rito del Giuramento avvenisse di domenica alla presenza del Consiglio Comunale, in modo che la cerimonia potesse trasmettere all’opinione pubblica l’immagine del Carabiniere quale “palladio della vera libertà”.

Didascalia immagine pagina di destra

Sopra, la cerimonia del Giuramento dei Carabinieri nell’aula del Consiglio Comunale di una cittadina piemontese nella metà del secolo XIX.
La formula rituale viene letta dall’Ufficiale della Divisione Carabinieri del luogo alla presenza del Sindaco, dei Consiglieri e del pubblico.