Menu
Mostra menu
  • >
  • Editoria
    >
  • Calendario Storico
    >
  • Il Calendario
    >
  • Anni 2009-2000
    >
  • 2008
    >

Calendario storico

Anno 2008 - Luglio


Nuoto  Nuoto



Testo pagina di sinistra

L'attitudine al nuoto tra i Carabinieri ha radici e testimonianze iconografiche antiche. L'immagine a sinistra è del 1821: un Carabiniere insegue a nuoto un malfattore nelle acque di un fiume piemontese. Sotto, un militare, malgrado l'alta uniforme, nuota nel Canal Grande, a Venezia, per salvare una sventurata caduta dal Ponte di Rialto. L'immagine è del 1884. A sinistra, una significativa documentazione fotografica di come il nuoto sia sempre stato inteso nell'Arma quale disciplina operativa. Con elmetto di guerra, moschetto a tracolla, zaino e divisa di panno grigio-verde un reparto di militari si addestra ad attraversare a nuoto un corso d'acqua nel 1934.


Testo pagina di destra

Carabinieri e Sport un binomio consolidato nel tempo, un gioco di squadra tra un'Arma gloriosa ed una delle attività più vittoriose del nostro Paese. Una sintesi di quello che è il bello della sana gioventù italiana. Se con la memoria corro a ritrovare i volti di chi ha indossato divisa e tricolore sui podi dei grandi eventi non faccio fatica a trovarli: dai fratelli d'Inzeo ad Alberto Tomba, da Michele Maffei ai Montano padre e figlio, da Armin Zoggeler a Davide Rummolo e poi ancora Giorgio Di Centa, Andrea Cassarà, Federico Cappellazzo. Dai Giochi di Roma del 1960 un crescendo di atleti e discipline, un aiuto importante ed una grande opportunità offerta soprattutto a quegli Sport minori che diventano poi maggiori negli anni olimpici. Ed ora, da quando l'Arma ha aperto le porte alle donne, oltre ai titoli sono subentrate anche la bellezza e la grazia delle nostre atlete: una su tutte, la campionessa del Mondo 2006 di fioretto Margherita Granbassi. Migliaia gli ori vinti in manifestazioni internazionali, oltre sessanta i podi conquistati ai Giochi Olimpici, un palmares invidiabile. L'Arma, però, ha un altro grande me¬rito: certo i campioni sono la punta di diamante dell'Istituzione, ma nel Gruppo Sportivo dei Carabinieri trovano spazio ogni anno decine di altri giovani che possono continuare ad alimentare il loro desiderio di vince¬re. Un sogno, un'opportunità in più ed un'attività che si realizza all'in¬terno di una scuola dove si impara a vincere ed a perdere giocando pulito.

NOVELLA CALLIGARIS
Campionessa di nuoto