Menu
Mostra menu
  • >
  • Editoria
    >
  • Calendario Storico
    >
  • Il Calendario
    >
  • Anni 2009-2000
    >
  • 2002
    >

Calendario storico

Anno 2002


Mese di febbraio - pagina di sinistraDal film "Siamo donne" - Anna Magnani




Testo pagina di sinistra

“Pane, amore e fantasia” fu accolto da un successo trionfale e anche gli incassi segnarono un record. Il regista Comencini ne raccontò la storia così: "Il via al film lo diede Vittorio De Sica che, insperatamente, accettò di interpretare il ruolo del maresciallo. A mia insaputa il produttore esecutivo, per maggiore tranquillità, fece leggere il copione al Comandante Generale dell'Arma dei Carabinieri, che espresse il suo assenso. Il titolo nacque ricordando la storia di un poveraccio che, mentre mangia un pezzo di pane, si sente chiedere: "Che cosa stai mangiando?" E lui: "Pane e fantasia". Lo sceneggiatore Margadonna volle aggiungere la parola "amore", e così il titolo diventò” Pane, amore e fantasia”. Nel film fu inserita una breve scena in cui un infelice che rumina il suo tozzo di pane, interpellato da De Sica, indica la fantasia come companatico. “Pane, amore e fantasia” portò immensa popolarità a Vittorio De Sica e la sua compagna, Maria Mercader, ricordò: “Camminava per strada e la gente lo salutava: A marescià! Lui commentava: Dimmi tu se, dopo aver diretto un film come Ladri di biciclette, devo diventare famoso per il personaggio del maresciallo Carotenuto... Ma era compiaciuto per l'affetto che gli dimostrava la gente".