Menu
Mostra menu
  • >
  • Editoria
    >
  • Calendario Storico
    >
  • Il Calendario
    >
  • Anni 2009-2000
    >
  • 2000
    >

Calendario storico

Anno 2000



Mese di novembre - L'attività sportiva Un ragazzo scia sulla tavola di uno snowboard sotto lo sguardo vigile di un Carabiniere sciatore



L' ATTIVITA' SPORTIVA

Riaprono le scuole:"Ottobre, bambini al lavoro", riaprono le scuole: Non solo bambini. Ricordo il terribile anno della maturità classica. C'è un grosso ostacolo da superare, e dopo mi aspetta una quantità di scelte. Scelte difficili che peseranno sulla mia vita. Per esempio, la facoltà universitaria alla quale penso (la stessa alla quale pensa Fabia) è lontana da casa: se deciderò per quel corso di studi, dovrò trasferirmi in un'altra città e separarmi dalla famiglia. Una privazione non piccola. E poi c'è il servizio militare che incombe: qui non ho dubbi, perché (se mi accetteranno) farò il Carabiniere. Voglio vivere un'esperienza importante in un'Istituzione per antonomasia, sempre giovane perché fedele a se stessa ma anche ai tempi. Il nonno ne sarà felice. Spero che anche Fabia mi indurrà a una scelta, una scelta piena di tenerezza.
Il ciclone maturità classica viene superato. E decido di iscrivermi alla facoltà che mi porterà lontano dai genitori e da mio fratello: è abbastanza triste accettare questa circostanza, ma la vita ha sue scadenze che prima o poi si presentano, ineludibili. Meglio agire con determinazione e pensare che, come i bambini della filastrocca, anch'io mi metterò al lavoro. Partirà anche Fabia, e sarà ospite di un pensionato, nella sede universitaria: ci terremo compagnia, ascolteremo insieme altra musica, altre canzoni...Sta per finire il Millennio e purtroppo ci lasciano Fabrizio De André e Lucio Battisti, due grandi dei tempi di mamma e papà. La loro scomparsa segna la conclusione di un'epoca.Le loro canzoni, pur estranee alla mia generazione, emozionano anche oggi: e che la morte abbia spento le loro voci pare quasi una stupida rapina. Trionfa un film di Roberto Benigni: "La vita è bella" con la sceneggiatura dello scrittore Vincenzo Cerami. Il film è una curiosa favola che si svolge tra gli orrori di un campo di sterminio nazista.
L'affermazione "la vita è bella" solo apparentemente è paradossale; serve a sottolineare che, a dispetto di qualsiasi efferatezza, la dimensione del sogno non è espropriabile. Nei Balcani una guerra mi fa assistere a scene che parevano relegate alle pagine dei libri di storia e a isolati racconti del nonno. C'è un revival di date man mano che si approssima il 2000 e il Giubileo. Si ripercorrono significativi momenti del passato. Trent'anni dal leggendario sbarco dell'uomo sulla luna; venti da terribili episodi del terrorismo; dieci dal crollo del muro che ha diviso l'Europa. Un muro che conosco solo in fotografia, un lungo nastro di cemento riscattato dall'opera colorata di migliaia di writers. Anch'io per breve tempo ho realizzato graffiti su orribili colate di cemento della mia città, ma mai ho imbrattato monumenti, edifici, chiese, saracinesche di negozi, mezzi pubblici. Provavo piacere nel lasciare la mia "tag" su queste spesse tele, dando sfogo alla mia creatività con rispetto, con quel rispetto che purtroppo manca ai molti vandali e imbrattatori. Purtroppo Fabia deve partire: trascorrerà tre mesi in Inghilterra, come ragazza alla pari.
Conosce l'inglese già bene, vuole perfezionarsi. Mi addolora che mi lasci per tanto tempo, ma è bene così: nel mondo di oggi l'analfabetismo è l'ignoranza delle lingue... Io stesso ho studiato inglese e tedesco: non sono bravo come lei, me la cavo, ma devo esercitarmi di più. Comprendo e condivido la necessità del distacco ma ne soffro egualmente.