Menu
Mostra menu

Calendario storico

Anno 1996


Giornale "Il Carabiniere della Nuova Italia" Carabinieri dediti alla ricostruzione di edifici distrutti dai bombardamenti



Fra tutte le istituzioni nazionali, l'Arma fu la sola alla fine del secondo conflitto mondiale a risultare ovunque immediatamente in grado di svolgere le sue funzioni, sia pure con la precarietà di mezzi e di infrastrutture a disposizione. Nel 1945 i Carabinieri disponevano di soli 5 mezzi corazzati, di 466 auto e di 929 moto, che diventano 158, 766 e 1688 nel 1946. La riattivazione delle numerose caserme devastate dai nazi-fascisti avviene ad opera degli stessi Carabinieri, che rimboccatesi le maniche provvedono senza aiuti di alcun genere a ristrutturare le loro tradizionali sedi operative.