Menu
Mostra menu
  • >
  • Editoria
    >
  • Calendario Storico
    >
  • Il Calendario
    >
  • Anni 1999-1990
    >
  • 1990
    >

Calendario strorico

Anno 1990



Pagina sx. mese giugno 1990 Pagina dx. mese giugno 1990



LEGIONE NAPOLI

Analogamente a quanto era avvenuto in Sicilia dopo la conquista da parte di Garibaldi, nelle province napoletane dell'ex Regno delle Due Sicilie si pose il problema di assorbire in un nuovo corpo di polizia la Gendarmeria borbonica. Il fatto che questa risentisse troppo dei sistemi del deposto regime indusse il Generale dei Carabinieri Trofimo Arnulfi, inviato espressamente a Napoli, a fare una severa selezione fra gli elementi della disciolta Gendarmeria. Cosicché solo un piccolo contingente venne ammesso a far parte del Corpo dei Carabinieri: fra i 150 ufficiali ne furono scelti soltanto 62 e dei 6.792 uomini di bassa forza appena 240 furono riconosciuti idonei all'assorbimento. Nacque così un "Reggimento di Carabinieri Reali per la città di Napoli", affiancato da un "Corpo di Volontari Allievi Carabinieri". All'atto della sua costituzione, la Legione Napoli, la 7^, aveva quattro Divisioni, e cioè Napoli Prima, Napoli Seconda, Caserta e Benevento. Il resto dei territorio campano era stato attribuito alla 10^ Legione, quella di Salerno, disciolta a datare dal 1° gennaio 1869 col conseguente passaggio di una parte dei suo territorio alla Legione partenopea, che nel 1890 disponeva nuovamente di quattro Divisioni (Napoli, Caserta, Avellino e Salerno) e di 2.210 uomini di truppa, 53 ufficiali e 320 cavalli.