Menu
Mostra menu
  • >
  • Editoria
    >
  • Calendario Storico
    >
  • Il Calendario
    >
  • Anni 1989-1980
    >
  • 1988
    >

Calendario storico

Anno 1988



Pagina sx. mese aprile 1988 Pagina dx. mese aprile 1988



Il personaggio più popolare della storia patria, Giuseppe Garibaldi, non poteva non intrecciare i momenti essenziali della sua epopea con l'azione dei Carabinieri. Li ebbe alle sue dipendenze nel 1866 nel Corpo Volontari Italiani, nutrendo per loro grande considerazione, tant'è che in una lettera indirizzata al cap. Caravadossi si espresse in questi termini: "Accogli una parola di lode per il magnifico contegno da voi tenuto presso i corpi volontari in tutta la campagna del '66, e graditela come ben meritata da voi e dai vostri subordinati". Li ebbe vigili e discreti "custodi" nei difficili equilibri della politica risorgimentale. E li ebbe, purtroppo, anche in veste di esecutori di disposizioni governative, quando si trattò di "arrestare" la sua azione perché non avesse conseguenze negative nella faticosa realizzazione dell'unità territoriale italiana. L'ultimo dei tre fermi, quello operato a Figline Valdarno nel 1867, rimane a testimonianza degli ottimi rapporti avuti da Garibaldi con i Carabinieri. La delicata operazione potè concludersi senza incidenti Sia per il contegno del ten. col. Deodato Camosso, che l'aveva condotta, sia per la comprensione manifestata dal Generale per la dolorosa necessità in cui i Carabinieri erano venuti a trovarsi. L'imbarco di Garibaldi per il Varignano, località scelta per il suo esilio, si concluse, fra la commozione unanime, con un affettuoso abbraccio fra il popolare eroe e l'ufficiale dei Carabinieri, il quale così sintetizzò l'episodio in un suo rapporto. "Garibaldi rivolse ai Carabinieri parole improntate a sentimenti di conciliazione ed incoraggiamento a sempre bene e fedelmente servire... egli salutò molto commosso, io l'accompagnai a bordo del piroscafo. Egli mi diresse le più lusinghiere espressioni e quindi in presenza di tutti gli ufficiali e della gente di bordo mi abbracciò e baciò ripetutamente. I suoi occhi erano bagnati di lacrime.