Menu
Mostra menu

Calendario storico

Anno 1984



Pagina di sinistra Pagina di destra


Testo pagina di sinistra

Conclusasi la Seconda Guerra d'indipendenza (1859) con l'annessione della Lombardia al Regno sardo, il Corpo dei Carabinieri provvide subito ad estendervi la sua struttura, arruolando anche elementi appartenuti alla Gendarmeria austriaca, purché "bene famati" ed italiani. L'arruolamento venne aperto in Milano presso l'ufficio dei col. Arnulfi, sito in casa Cattaneo, a via S. Teresa. Si procedette quindi sollecitamente alla costituzione di un "Comando di Carabinieri Reali in Lombardia", cui succedettero il 16 gennaio 1860 le Divisioni di Milano, Brescia, Como, Cremona e Pavia, passate, tranne l'ultima, alla Legione di Milano (la 4^) quando questa venne costituita il 18 agosto 1861. La lunga ed intensa vita della Legione 4^ vide città come Cremona, Corno e Sondrio assurgere al rango di sede di Divisione, per vederle poi tornare a livello di comando di Compagnia, cosi come registrò l'annessione al suo scompartimento della provincia di Pavia, più volte ceduta e riassorbita, di quella piemontese di Novara (dal 1887 ai 1917) e di quella emiliana di Piacenza (dal 1868 al 1877). Soltanto fra il 1927 e il 1929 si delineò l'ordinamento definitivo dell'Arma in Lombardia, che, dopo la creazione della Legione di Brescia, avvenuta il 10 dicembre 1953, venne ad assumere negli ultimi decenni la ripartizione attuale, e cioè: Legione di Milano, con i Gruppi di Milano (oggi il capoluogo ne conta tre), Corno, Varese e Pavia; Legione di Brescia, con i Gruppi di Brescia, Mantova, Cremona, Bergamo e Sondrio.

Testo pagina di destra

Terminata il 12 agosto 1866 la Terza Guerra d'indipendenza e firmato il 3 ottobre successivo il Trattato di Vienna ? in base al quale il Veneto veniva ceduto all'Italia ? il 21 e il 22 dello stesso mese i plebisciti popolari sancirono l'annessione della regione all'Italia. L'Arma dei Carabinieri, che aveva partecipato alle operazioni belliche con un forte contingente, distinguendosi in modo particolare a Monte Croce nella pur infausta giornata di Custoza, si stabili nei Veneto con la Legione di Verona e con le dipendenti Divisioni di Verona, Venezia, Padova e Udine. La nuova Legione era stata istituita in via provvisoria il 27 luglio 1866, prima ancora della cessazione delle ostilità, diventando definitiva il 30 ottobre successivo, pochi giorni dopo il responso plebiscitario delle popolazioni venete. Alle originarie Divisioni si aggiunsero poi quelle di Mantova e di Vicenza nel 1907 e di Treviso nel 1916. Nel 1919 la Legione di Verona subì un sostanziale ridimensionamento con la creazione della Legione di Treviso, che ebbe però vita brevissima in quanto, sebbene accresciuta nel frattempo delle Divisioni di Rovigo e di Belluno, nel 1927 fu trasferita a Padova, dove la nuova Legione ebbe vita a partire dal 28 ottobre. Dal 1953, con la soppressione della Legione di Verona, quella di Padova ha esteso gradualmente la sua giurisdizione su tutto il Veneto, con alle dipendenze i Gruppi di Padova, Rovigo, Verona, Vicenza, Venezia e Treviso.