Menu
Mostra menu

Calendario storico

Anno 1984



Pagina di sinistra Pagina di destra


Testo pagina di sinistra

Dopo avere illustrato nelle edizioni precedenti aspetti e periodi storici dell'Arma, il Calendario è dedicato quest'anno al tema dell'organizzazione territoriale dei Carabinieri nel contesto dell'ordinamento regionale italiano. Nata come "Corpo" nel lontano 1814 ed esteso il suo servizio a tutte le regioni italiane parallelamente alla crescita e allo sviluppo dello Stato unitario, l'istituzione ebbe il suo primo "scompartimento" il 24 gennaio 1861. Esso si articolava su di una fitta rete di Stazioni, di Luogotenenze e di Compagnie sotto il comando di 36 Divisioni (corrispondenti agli attuali Gruppi), a loro volta dipendenti da 13 Legioni territoriali, organi di comando con giurisdizione geografica coincidente, di massima, con quella delle regioni. Il travaglio che ha accompagnato il consolidamento dei nuovo Stato italiano, le fasi alterne della sua crescita economica e della sua organizzazione amministrativa, hanno sempre trovato uno specchio fedele e un riscontro tangibile nell'ordinamento territoriale dell'Arma dei Carabinieri, preposta a rappresentare ovunque l'autorità dello Stato e a difenderne le istituzioni. La storia delle Legioni, ora create, ora soppresse, ora tornate a nuova vita, è anche la dimostrazione di come l'Arma abbia saputo ognora rispondere alle necessità dello Stato, adeguandosi al contesto sociale e alle sempre crescenti e mutate esigenze operative. Queste poche pagine vogliono, pertanto, costituire la sintesi storica di tale processo evolutivo e dimostrare come l'Arma dei Carabinieri sia riuscita ad essere in ogni momento "moderna".

Testo pagina di destra

Il "Corpo" dei Carabinieri ebbe in Piemonte il suo primo scompartimento territoriale, articolato su 4 Divisioni, con sede a Torino, Alessandria, Cuneo e Novara (più quelle di Nizza e Savoia), su 12 Compagnie, su 17 Luogotenenze e su 195 Brigate (attuali Stazioni). La circoscrizione di tali comandi corrispondeva a quella dei Governi militari nei quali era suddiviso il Piemonte e ricalcava anche l'ordinamento amministrativo della regione. Nel 1861, estesasi l'organizzazione dei Carabinieri a tutto il territorio italiano redento ed istituite le Legioni, contraddistinte ciascuna da un numero progressivo, il Piemonte ebbe in Torino la sede della Legione 1^, proprio in omaggio alla città che aveva dato i natali al Corpo. Stranamente, però, questa Legione fu l'ultima ad essere inaugurata: essa infatti elevò le sue insegne il 10 novembre 1861 in quella stessa caserma di Piazza "Carlina" ove erano stati acquartierati i primi Carabinieri e dove ancora oggi ha sede il suo comando. La Legione, oltre al Gruppo dei capoluogo, ha alle dipendenze quelli di Novara, Aosta e Vercelli, questi due ultimi creati nel 1927. L'altra Legione piemontese, quella di Alessandria, venne istituita nel 1919. Originariamente il suo territorio era stato compreso per pochi anni nego scompartimento della Legione di Genova e, dal 1865 in poi, in quello della Legione di Torino. All'inizio essa si articolò sulle Divisioni di Alessandria, Cuneo e Pavia, con l'aggiunta di Asti nel 1935. Tali città sono tuttora sedi dei suoi comandi di Gruppo, ad eccezione di Pavia passata nel 1945 alla Legione di Milano.