Menu
Mostra menu

Calendario storico

Anno 1982



Varie foto di Carabinieri e forze di polizia internazionali nei territori della Saar Carabinieri nei terrotori della Saar


Il trattato di Versailles del 1919 aveva sancito che il bacino minerario della Saar fosse retto da un governo provvisorio e che dopo 15 anni un plebiscito popolare avrebbe deciso quale dei due stati pretendenti, Francia o Germania, potesse assorbire quella regione.
La Società delle Nazioni mise in atto in tale occasione il primo esperimento di un corpo di polizia militare, costituito da reparti di diversa nazionalità, alle sue dirette dipendenze. Ne derivò un corpo, chiamato "Saarforce", composto da 3300 uomini, di cui 1300 italiani. I Carabinieri vi figuravano con un intero Battaglione, che giunse a Sulzbach il 22 dicembre 1934, per essere accasermato nella stessa cittadina e nel centro di Dudweiler. Il plebiscito si svolse il 13 gennaio 1935, in una giornata rigida e nevosa, e si concluse con il successo della Gendarmeria.
Dei 320 seggi elettorati assegnati al Comando Italiano, 81 furono affidati al controllo dei Carabinieri, dislocati in centri che in passato avevano fatto registrare gravi turbamenti dell'ordine pubblico. Prima di ripartire per l'Italia, i militari dell'Arma si meritarono l'elogio del comandante della "Saarforce", generale Brind.