Menu
Mostra menu

Immagine descritta nella didascalia sottostante




La questione delle ferrovie della Calabria ha provocato in vari luoghi di quella regione vivaci dimostrazioni. A Cassano all'Jonio, poi, l'agitazione non si è limitata alle proteste: una folla percorse le vie della città mandando alte grida, e penetrata nel palazzo comunale distrusse con furia selvaggia ogni cosa spargendo poi del petrolio nelle stanze e nell'atrio del palazzo e appiccicandovi il fuoco. In due ore il palazzo fu totalmente distrutto, e fra l'altro andarono perduti, oltre ai registi! dell'amministrazione, i titoli patrimoniali del Comune. I carabinieri fecero di tutto per frenare quei furibondi, ma rimasero sopraffatti dal numero, e uno dei bravi militi cadde ferito da una coltellata presso il cuore.

(Da "La Tribuna Illustrata" del 16 marzo 1902)