Menu
Mostra menu

Immagine descritta nella didascalia sottostante




Una sera perla via di Lincoln di Catania il maresciallo Quinno Lorenzo, comandante provvisorio di quella stazione principale, ode grida confuse e un fuggi fuggi della gente; d'un tratto distingue l'avanzarsi di un cavallo a corsa sfrenata, con una vettura attaccata. Il maresciallo, vedendosi ormai sopra l'inferocito animale, si imposta risolutamente in mezzo alla strada, gli si lancia con gran impeto alla testa riuscendo ad afferarlo pel morso. Tale è la celerità, la destrezza e la forza dell'atto, che la bestia è arrestata di botto.

(Da "Il Carabiniere" del 7 febbraio 1885)