Menu
Mostra menu

Immagine descritta nella didascalia sottostante




Il 18 novembre 1885 a Vico Equense fu ripescato in mare il corpo di un ragazzo sui tredici anni. Le indagini, dapprima convulse, non approdarono a nulla e il "mistero di Vico Equense" appassionò a lungo la popolazione. Solo nove anni dopo, nel luglio del 1894, si seppe che il ragazzo era stato ucciso dal padrigno, il marchese di NayVe, francese, poi gettato in mare. L'ignobile gentiluomo intendeva così godersi da solo il patrimonio della ricchissima moglie.

(Da "La Tribuna Illustrata" del 5 agosto 1894)